Contenzioso giudiziario e Arbitrato internazionale

Contenzioso giudiziario davanti alle giurisdizioni francesi

Mario Nicolella ha una esperienza consolidata in ambito giudiziario davanti alle giurisdizioni francesi ed italiane. I due paesi condividono delle tradizioni giuridiche comuni ma mantengono, in particolare nelle rispettive procedure giudiziarie, delle differenze sensibili.

Lo studio legale collabora con colleghi italiani che consigliano clienti alla ricerca di un’assistenza giudiziaria sul territorio francese e con colleghi francesi che cercano una domiciliazione nel quadro di procedure incardinate davanti alle giurisdizioni italiane.

L’avv. Nicolella é abilitato all’esercizio professionale davanti le alte giurisdizioni italiane (Corte di Cassazione, Consiglio di Stato) e tratta anche il contenzioso che rileva della giurisdizione della Corte europea dei diritti dell’Uomo (Strasburgo).

Di fronte all’inesecuzione contrattuale di un’obbligazione, più azioni contenziose possono essere ipotizzate. Esse vanno dalla citazione per esecuzione forzata alla domanda di risoluzione giudiziaria del contratto, passando per l’azione in responsabilità contrattuale finalizzata all’ottenimento di un risarcimento. Il contenzioso potrà portare anche sulla validità del contratto che sarà allora oggetto di un’azione in nullità, per esempio, per vizio del consenso (dolo, errore) o per il non rispetto di una regola o di un formalismo di ordine pubblico.

La soluzione procedurale più efficace sarà messa in opera sin dall’introduzione dell’istanza fino all’esecuzione della decisione. In funzione del grado di complessità della causa, questa potrà essere oggetto di una procedura di urgenza o di una citazione ordinaria. Se necessario, potranno essere adottate delle misure cautelari contro il debitore anche prima dell’inizio del processo per evitare che questi si renda insolvente nelle more della decisione. Se il cliente è in posizione debitoria, sarà comunque utile far valere degli argomenti di difesa. Una buona conoscenza della procedura permette spesso d’incitare il creditore ad un accordo transazionale.

L’avv. Nicolella é co-autore del capitolo sull’Italia del libro « Quelles juridictions économiques en Europe ? » (Creda – Centre de recherche sur le droit des affaires de la Chambre de commerce et d’industrie de Paris).

Arbitrato internazionale

Membro dell’AIA (Associazione Italiana Arbitrato) e dell’AFA (Association Française pour l’Arbitrage), l’avv. Nicolella ha esercitato la funzione di arbitro.

L’arbitrato è un modo alternativo di risoluzione dei conflitti (“ADR”) che permette di giungere ad una sentenza senza accedere alle giurisdizioni statali.Le parti possono decidere di sottoporre il contenzioso che le oppone ad un tribunale arbitrale composto da un solo o da tre arbitri.

In générale, l’interesse di questa procedura sta nella neutralità culturale delle persone che compongono il tribunale, alla loro competenza giuridica, linguistica e tecnica specifiche, per decidere il contenzioso sottoposto loro.

Mario Nicolella ha collaborato con Marco Darmon, già avvocato générale alla Corte di giustizia dell’Unione europea e rinomato arbitro internazionale. L’avv. Nicolella ha partecipato al gruppo di lavoro della Camera di Commercio Internazionale sul « Come ridurre i tempi e i costi degli arbitrati ».

Nel corso della sua attività, l’avv. Nicolella ha acquisito un’esperienza arbitrale nei settori della distribuzione automobilistica, della vendita e istallazione di macchine industriali, dell’istallazione di programmi informatici di gestione, delle telecomunicazioni, della costruzione immobiliare.